La nuova release di Portworx PX-Backup abilita la protezione dei dati cross-cloud e la migrazione delle applicazioni stateful su Kubernetes

Una nuova ricerca di Portworx rivela come la mobilità e la protezione dei dati siano le due principali sfide di chi deve gestire applicazioni stateful su Kubernetes
PX-Backup Enables Cross-Cloud Data Protection and Migration

Milano, 20 ottobre 2021 — Portworx® by Pure Storage® (NYSE: PSTG), la più completa Data Services Platform per Kubernetes, ha annunciato in occasione di KubeCon North America il rilascio di PX-Backup 2.1, la piattaforma per la protezione di dati e applicazioni per le modern application. Portworx ha inoltre pubblicato i dati di una nuova ricerca che ha analizzato il punto di vista degli utenti finali circa l'utilizzo di applicazioni stateful su Kubernetes.

Le ultime novità apportate a PX-Backup forniscono alle aziende una protezione completa dei dati, mobilità multi-cloud e un maggior supporto alla compliance da parte delle applicazioni utilizzate su Kubernetes indipendentemente dal fatto che risiedano on-premises o in cloud. In particolare:

  • Portabilità applicativa tra cloud differenti: PX-Backup implementa la portabilità delle applicazioni tra qualsiasi cloud o data center on-premises. Con questa ultima versione i clienti possono eseguire il backup delle applicazioni Kubernetes all'interno di un cloud o di un data center ed effettuarne quindi il ripristino in uno differente.
  • Compliance rafforzata con il supporto della regola dei backup 3-2-1 per qualsiasi storage: La regola dei backup 3-2-1 è un accorgimento standard per qualsiasi piano di protezione dei dati che voglia garantire la possibilità di ripristino da vari scenari di guasto. Con questa release, PX-Backup può ora spostare il backup dalle copie snapshot CSI allo storage a oggetti. Le aziende che utilizzano app Kubernetes su Portworx PX-Store, su qualsiasi servizio compatibile con CSI o su storage basato su cloud possono ora avvalersi di PX-Backup per mantenere tre copie dei dati (produzione, snapshot, backup) su storage a dischi e su storage a oggetti. Ciò offre la flessibilità necessaria per poter spostare i dati offsite (su qualunque cloud) rispettando i requisiti di qualsiasi programma di backup basato sulla regola 3-2-1.
  • Recovery ampliato con supporto delle condivisioni di file: Oltre alle funzionalità già esistenti per il backup dei workload a blocchi, le aziende possono ora eseguire il backup e il ripristino di applicazioni residenti su volumi persistenti RWX (read-write-many) erogati sotto forma di condivisioni di file da FlashBlade, da volumi proxy di Portworx o da qualsiasi server NFS.
  • Maggiore protezione con PX-Secure: Gli utenti di PX-Backup possono ora sfruttare i servizi crittografici e i controlli di accesso role-based offerti da Portworx PX-Secure ottenendo così un ulteriore strato di supporto alla sicurezza delle loro modern application con la capacità di ridurre il carico amministrativo.
     

Ricerca: il punto di vista degli utenti finali sulle applicazioni stateful su Kubernetes

Kubernetes continua a rivestire un ruolo essenziale nel promuovere l'agilità e la resilienza del business mentre le aziende sono impegnate a modernizzare le proprie applicazioni e infrastrutture. Un'indagine tra utenti finali condotta su 500 professionisti IT in Regno Unito e USA ha rilevato come oltre metà del campione indichi nell'aumento dell'agilità (58%) e nell'aumento della resilienza (52%) i principali fattori che hanno sostenuto la decisione di creare e implementare applicazioni stateful su Kubernetes. Tra i risultati emersi dallo studio:

  • Impatto sulla bottom line aziendale: L'utilizzo di applicazioni stateful su Kubernetes permette ai professionisti di sviluppare (54%) e scalare (55%) le app più velocemente consentendo nel contempo agli sviluppatori di essere più efficienti (55%).
  • Backup & restore, un requisito critico: Le funzionalità di Backup & Restore (55%), Mobilità dei Dati e Gestione della Capacità (49%) e Alta Disponibilità (48%) sono quelle identificate dai professionisti IT come i requisiti maggiormente critici per le applicazioni stateful su Kubernetes.
  • La sfida della mobilità e della protezione dei dati: La Mobilità dei Dati (29%) è l'obiettivo che i professionisti IT cercano maggiormente di raggiungere quando utilizzano applicazioni stateful su Kubernetes, mentre la Protezione dei Dati (49%) rappresenta la sfida operativa maggiore.
  • I workload stateful sono destinati ad aumentare: La maggioranza (87%) degli intervistati si aspetta che la percentuale dei workload stateful aumenti nei prossimi 12 mesi, mentre il 9% prevede che resti invariata. Solo il 4% si attende una diminuzione.

“I risultati dell'ultima ricerca sottolineano l'urgenza di mettere al sicuro le applicazioni Kubernetes mission-critical con una strategia di compliance e protezione dei dati completa. Con le novità apportate a PX-Backup siamo lieti di offrire ai nostri clienti di tutto il mondo una soluzione indipendente dai vendor per gestire e proteggere realmente le moderne infrastrutture Kubernetes distribuite.”

Murli Thirumale
VP e GM, Cloud Native Business Unit di Pure Storage

PX-Backup 2.1 sarà disponibile da novembre 2021. Per maggiori informazioni su PX-Backup e per scaricare i risultati completi dello studio è possibile visitare:

Informazioni su Pure Storage

Pure Storage (NYSE: PSTG) permette ai reparti IT di sfruttare meglio il tempo. Grazie alla sua Modern Data Experience, le organizzazioni possono svolgere le operations secondo un vero modello di Storage-as-a-Service automatico nei diversi tipi di cloud. Tra le aziende per l'IT enterprise con un rapidissimo tasso di crescita nella storia, Pure aiuta i clienti a sfruttare i dati e ridurre al tempo stesso la complessità e i costi legati alla gestione dell'infrastruttura sottostante. E con un punteggio di soddisfazione dei clienti certificato nel primo 1% delle aziende B2B, i clienti di Pure sono tra i più contenti al mondo e continuano ad aumentare.

Pure Storage, il logo Pure P, Portworx e marchi indicati nell'elenco dei marchi commerciali Pure disponibile all'indirizzo www.purestorage.com/legal/productenduserinfo.html sono marchi commerciali di Pure Storage, Inc. Tutti gli altri nomi soo marchi commerciali dei rispettivi proprietari.

About Portworx by Pure Storage

Portworx, acquisita da Pure Storage nell'ottobre 2020, è la società specializzata nello storage per container alla quale le aziende si affidano per gestire i data services mission-critical containerizzati. Fornendo disponibilità e sicurezza dei dati con capacità di backup e disaster recovery per le applicazioni basate su Kubernetes residenti on-premises o nei cloud, Portworx aiuta decine di realtà Global 2000 come Carrefour, Comcast, GE Digital, Lufthansa, T-Mobile e SAIC a far girare servizi dati containerizzati in produzione. Portworx collabora con Amazon, Google, IBM, VMware e altri importanti produttori di software enterprise per accelerare l'adozione dei container. Per maggiori informazioni è possibile visitare portworx.com o seguire il canale Twitter @portwx.

Riconoscimenti dagli analisti

Pure Storage è tra i Leader del Gartner Magic Quadrant for Primary Storage Arrays 2020.

800-379-7873 +44 20 3870 2633 +43 720882474 +32 (0) 7 84 80 560 +33 9 75 18 86 78 +49 89 12089 253 +353 1 485 4307 +39 02 9475 9422 +31 (0) 20 201 49 65 +46-101 38 93 22 +45 2856 6610 +47 2195 4481 +351 210 006 108 +966112118066 +27 87551 7857 +34 51 889 8963 +41 31 52 80 624 +90 850 390 21 64 +971 4 5513176 +7 916 716 7308 +65 3158 0960 +603 2298 7123 +66 (0) 2624 0641 +84 43267 3630 +62 21235 84628 +852 3750 7835 +82 2 6001-3330 +886 2 8729 2111 +61 1800 983 289 +64 21 536 736 +55 11 2655-7370 +52 55 9171-1375 +56 2 2368-4581 +57 1 383-2387
Your Browser Is No Longer Supported!

Older browsers often represent security risks. In order to deliver the best possible experience when using our site, please update to any of these latest browsers.