Skip to Content

Che cos'è il rifiuto elettronico e quanto costa l'IT?

Il mondo genera circa 40 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all'anno, l'equivalente di 800 computer portatili al secondo, e oggi i rifiuti elettronici costituiscono il 70% dei nostri rifiuti tossici complessivi.

I costi non sono solo ambientali. Inoltre, influiscono sull'IT, determinando enormi inefficienze che portano a scarse performance in termini di profitti.

Vediamo cos'è l'e-waste, perché è un problema, quanto costa l'IT e cosa si può fare.

Che cosa sono i rifiuti elettronici?

I rifiuti elettronici sono tutti i prodotti elettronici che non sono più necessari e vengono scartati perché non possono essere risolti, sono incompatibili con le tecnologie più recenti o sono diventati obsoleti e hanno raggiunto la fine del loro ciclo di vita. I rifiuti elettronici possono essere qualsiasi prodotto elettronico, compresi dischi rigidi, computer, smartphone, televisori e monitor, switch di rete, array di storage e altro ancora.

I rifiuti elettronici, come tutti gli altri rifiuti, di solito vengono inceneriti o finiscono in una discarica dopo essere stati gettati via. Ciò significa che, se manipolata senza le giuste precauzioni di sicurezza, potrebbe finire per decomporsi nel terreno, causando l'infiltrazione di sostanze chimiche dal prodotto nel terreno.

Lettura correlata: Un'infrastruttura IT efficiente non si limita a risparmiare sui costi energetici

Quali sono le cause dei rifiuti elettronici?

L'innovazione e la necessità di fare spazio alle nuove tecnologie causano i rifiuti elettronici. Man mano che la tecnologia si evolve e migliora, le aziende vogliono il vantaggio competitivo dei prodotti più recenti. La tecnologia più lenta e meno efficiente viene sostituita con le versioni moderne, con prodotti che diventano obsoleti su base annuale, se non più frequentemente.

Solo gli Stati Uniti generano circa 6,9 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all'anno. Secondo le stime del World Economic Forum, entro il 2030 il mondo genererà circa 81,6 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all'anno.

Che cosa sono i rifiuti elettronici nel data center/data storage?

I settori del data center e del data storage contribuiscono in modo significativo ai rifiuti elettronici a causa dei continui aggiornamenti e sostituzioni hardware necessari per soddisfare le crescenti esigenze di elaborazione. Secondo l'Environmental Protection Agency (EPA), i data center sono responsabili di una parte considerevole dei rifiuti elettronici, il che rende cruciale per il settore IT affrontare questo problema in modo proattivo.

In che modo i rifiuti elettronici influiscono sull'ambiente?

I rifiuti elettronici comportano numerosi pericoli ambientali quando non vengono smaltiti correttamente. Molti dispositivi elettronici contengono sostanze tossiche come piombo, mercurio, cadmio e ritardanti di fiamma bromurati, che possono contaminare il suolo e l'acqua se penetrano nell'ambiente. Metodi di smaltimento inappropriati, come l'incenerimento o le discariche, possono rilasciare questi materiali pericolosi, con gravi rischi per la salute degli esseri umani e della fauna selvatica.

Inoltre, l'energia e le risorse utilizzate nell'elettronica di produzione contribuiscono alle emissioni di gas a effetto serra e all'esaurimento delle risorse. La riduzione dei rifiuti elettronici è quindi fondamentale per ridurre l'impatto ambientale.

I rifiuti elettronici possono essere riciclati?

Sì, il riciclo è un componente essenziale nella lotta contro i rifiuti elettronici. Il corretto riciclo non solo aiuta a recuperare materiali preziosi, ma riduce anche gli effetti dannosi sull'ambiente. Molti materiali presenti nell'elettronica, tra cui metalli preziosi, plastica e vetro, possono essere riciclati e riutilizzati in nuovi prodotti.

Organizzazioni come Waste Management World e GreenBiz promuovono iniziative di riciclaggio dei rifiuti elettronici che contribuiscono a sensibilizzare l'opinione pubblica e a promuovere metodi di smaltimento responsabili. Inoltre, le pubbliche amministrazioni e le organizzazioni non profit spesso organizzano eventi di raccolta dei rifiuti elettronici per facilitare il corretto riciclo.

Quanto costa l'IT per i rifiuti elettronici in termini di commissioni e multe?

Il costo dei rifiuti elettronici per il settore IT va oltre le implicazioni finanziarie del riciclo e della gestione dei rifiuti. Le aziende che non rispettano le normative sui rifiuti elettronici possono subire multe e sanzioni, compromettendo la loro reputazione ed erodendo la fiducia dei clienti. La gestione impropria dei rifiuti elettronici può anche comportare responsabilità legali e potenziali cause legali.

Per evitare questi costi, le aziende devono adottare pratiche di gestione dei rifiuti elettronici sostenibili e garantire che i loro componenti elettronici siano smaltiti in modo responsabile tramite partner certificati per il riciclo.

In che modo l'IT può ridurre al minimo i rifiuti elettronici?

I reparti IT possono adottare diverse misure proattive per ridurre al minimo i rifiuti elettronici e l'impatto ambientale, tra cui:

 

  • Acquisto responsabile: I team IT possono dare priorità all'acquisto di prodotti durevoli e aggiornabili, prolungando la durata dell'elettronica e riducendo la necessità di sostituzioni frequenti. Possono anche dare priorità a un'infrastruttura IT efficiente che richiede meno hardware.
  • Programmi di riciclo: I team IT possono definire e promuovere programmi di riciclo all'interno dell'organizzazione, facilitando lo smaltimento responsabile dei componenti elettronici da parte dei dipendenti.

Qual è il modo giusto per smaltire l'elettronica?

Il modo giusto per smaltire i componenti elettronici è attraverso programmi di riciclo dei rifiuti elettronici certificati. Cerca strutture di riciclo affidabili che rispettino gli standard e le normative ambientali. Molti produttori offrono programmi di ritiro, che consentono ai clienti di restituire i vecchi dispositivi per un corretto riciclo.

In che modo la tecnologia Pure Storage riduce i rifiuti elettronici per l'IT?

Pure Storage, un fornitore leader di soluzioni di storage all-flash, ha adottato misure significative per gestire i rifiuti elettronici e promuovere pratiche sostenibili. L'efficienza che l'infrastruttura di Pure può fornire riduce anche la necessità di supportare i componenti che dovrebbero essere eliminati: controller, ventole, switch, alimentatori, ecc.

Pure Storage offre inoltre:

  • Un programma di riciclo dei prodotti: Pure Storage adotta un programma di riciclo completo, che garantisce che i prodotti a fine vita vengano riciclati in modo responsabile, riducendo il loro impatto ambientale.
  • Migliori densità di storage e tecnologie di data reduction come compressione e deduplica: I clienti Pure Storage hanno bisogno di un numero molto inferiore di dispositivi per soddisfare un determinato requisito di performance e capacità. L'aumento previsto della densità di storage potrebbe comportare un vantaggio di capacità fino a 10 volte superiore rispetto alle unità SSD COTS entro il 2025. Inoltre, l'individuazione e la rimozione dei dati archiviati in eccesso riduce anche la necessità di ulteriore hardware.
  • Longevità del prodotto: Circa il 97% degli array distribuiti sei anni fa è ancora in servizio grazie al nostro programma Evergreen//Forever ™. Offrendo aggiornamenti non disruptive tramite il nostro portafoglio di abbonamenti Evergreen ®, Pure Storage estende la durata dei suoi prodotti, riducendo la frequenza delle sostituzioni e della generazione di rifiuti elettronici.

Sostenibilità e famiglia Pure//E ™: La famiglia Pure//E è perfetta per sostituire la ruggine a rotazione insostenibile. FlashArray//E ™ riduce i rifiuti elettronici fino all'85%. Questa riduzione sostanziale è il risultato di una maggiore durata del prodotto e di un minor numero di aggiornamenti hardware.

Conclusione

I rifiuti elettronici sono una preoccupazione crescente per il settore IT, con implicazioni ambientali e finanziarie di vasta portata. Per affrontare questa sfida è necessario un impegno concertato da parte di produttori, consumatori e responsabili politici per promuovere pratiche di riciclo responsabili e una progettazione sostenibile dei prodotti. Adottando strategie ecologiche, adottando iniziative di riciclo e investendo in longevità, il settore IT può ridurre notevolmente il proprio contributo alla crisi dei rifiuti elettronici e proteggere l'ambiente per le generazioni future.

Leggi il white paper per saperne di più: Un'infrastruttura IT efficiente non si limita a risparmiare sui costi energetici.

 

06/2024
The Future of Data Infrastructure: New Principles for the AI Age
Explore the future of data infrastructure with key principles for the AI era. Understand modern storage challenges and solutions for IT leaders.
eBook
14 pagine
CONTATTACI
Domande?

Hai domande o commenti sui prodotti o sulle certificazioni di Pure?  Siamo qui per aiutarti.

Prenota una demo

Prenota una demo per vedere come puoi trasformare i tuoi dati in risultati concreti con Pure. 

Telefono: +39 02 9475 9422

Media: pr@purestorage.com

 

Pure Storage Italia

Spaces c/o Bastioni di Porta Nuova, 21

Milano, 20121

+39 02 9475 9422

italia@purestorage.com

CHIUDI
Il browser che stai usando non è più supportato.

I browser non aggiornati spesso comportano rischi per la sicurezza. Per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito, ti invitiamo ad aggiornare il browser alla versione più recente.